Elementi di stabilità, galleggiabilità e assetto delle navi. Ad uso degli studenti nautici e dei naviganti

Autori: Lorenzo Di Franco

Casa Editrice: Del Bianco Editore

Pubblicato a: dicembre 2005

Rilegatura: Copertina flessibile

ISBN: 9788890056437

Prezzo: € 29,00

Attualmente non disponibile

Il volume in questione è composto di 30 capitoli e comprende quattro sezioni:  Geometria della nave;  Stabilità statica e dinamica;  Movimentazione del carico;  Stabilità a nave non integra. L'impostazione didattica rispecchia quella prevista dai programmi ministeriali, anche se in parte la sequenza e il contenuto di alcuni moduli sono stati modificati per meglio adattarli alle esigenze pratiche del moderno trasporto marittimo. A differenza di altri testi scolastici, è stata introdotta, al posto della vecchia simbologia, quella internazionale, ormai in uso in tutte le marinerie e in tutti i cantieri navali del mondo, ed è stata affiancata alla terminologia italiana quella inglese, anch'essa diventata di uso corrente per il personale marittimo sia di bordo che di terra. In effetti, ovunque si vada a caricare o scaricare nel mondo, si parla di GM e non di (r-a), di "change of trim" CT, di "GZ curves", di sinkage, ecc. In quest'ottica il libro rappresenta un tentativo di dare alla materia, pur nel rispetto della tradizione, una impostazione moderna nella forma e nei contenuti, ritenuta ormai improrogabile. Particolare importanza è stata data agli argomenti inerenti la posizione del centro di gravità G della nave e al suo spostamento in relazione all'imbarco, sbarco e spostamento di pesi a bordo; così come ne è stata data ai problemi di assetto longitudinale della nave ("trim"). E' stata introdotta la determinazione della stabilità dinamica e la determinazione degli sforzi di taglio e dei momenti flettenti con metodi pratici, e sono state rielaborati in modo attuale molti argomenti riguardanti la stabilità in caso di falla, i carichi liquidi, ecc. Due capitoli sono dedicati interamente ai pescaggi e alla loro correzione, quale condizione necessaria per il corretto uso delle curve idrostatiche o dei tabulati delle carene dritte.